skip to Main Content
info@paolafrassinetti.it

Alberto Giannoni

Paola Frassinetti, milanese, deputata di Fratelli d’Italia alla terza legislatura, a lungo consigliera provinciale e per 5 anni coordinatrice regionale di Fdi, come sta il partito a Milano?

«A Milano partiamo dal dato delle politiche, che ci ha visto al 4,3%, raddoppiando il risultato delle Comunali. Bene quindi, e nel fine settimana abbiamo una manifestazione importante, che vedrà impegnati tutti noi, e gli ospiti come Giovanni Toti e Giancarlo Giorgetti. Poi Giorgia Meloni chiuderà domenica alle 11».

Il coordinatore della città di Milano è in arrivo?

«Per ora del partito si stanno occupando la coordinatrice regionale, i parlamentari milanesi e gli eletti in Regione, insieme ai sei consiglieri municipali che sono la nostra voce nei quartieri».

E come stanno i quartieri?

«Sala aveva promesso che avrebbe sistemato le periferie, non mi pare che sia accaduto. Noi abbiamo a cuore riqualificazione e sicurezza delle periferie. Siamo stati a Rogoredo, e ora vediamo che qualcosa si muove, ma certo non basta e non arriva da Milano. Sala è un uomo dei grandi annunci e questa città avrebbe bisogno di una cura più meticolosa».

È il vostro tema forte?

«Abbiamo sicuramente la volontà di riqualificare i quartieri. Siamo attivi nella battaglia per evitare che a Città studi sia tolta l’università, con i servizi connessi. Il quartiere si chiama così per l’università e non vogliamo che si sposti tutto per fini speculativi».

E i Navigli riaperti?

«Sono zone e scelte complicate, c’è il problema del traffico, che crea congestioni. Poi diciamo no all’aumento del biglietti Atm siamo convinti che il sindaco dovrebbe occuparsi di più anche delle attività sociali. Milano deve tonare al centrodestra. La Milano innovativa e a trazione turistica è opera del centrodestra. Sala ha solo tagliato i nastri». CONTINUA A LEGGERE

Back To Top