RICEVI LE NOTIZIE
Lasciaci i tuoi dati, e ti aggiorneremo su novità e iniziative.



Appuntamenti

24-Mag:
Non passa lo straniero
Maggio
L M M G V S D
27 28 29 30 1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

23

Gen

2013

Imprese, Frassinetti (FdI): dati preoccupanti, Monti ha fallito

(ASCA) - Roma, 23 gen - 'Ormai tutti i giorni escono dati preoccupanti per le imprese italiane. Oggi Unioncamere ha stilato un bollettino desolante: il dato delle nuove aziende nate nel 2012 e' il piu' basso degli ultimi otto anni e mille imprese hanno chiuso ogni giorno. A questo punto bisogna riconoscere che il Governo Monti ha affossato l'economia e tarpato le ali ai giovani che volevano costruire qualcosa di nuovo. Fratelli d'Italia vuole ripartire dall'economia reale e dagli investimenti a favore delle piccole e medie imprese'. E' quanto dichiara Paola Frassinetti, deputata di 'Fratelli d'Italia-Centrodestra nazionale'.

 

22

Gen

2013

Università, servono più fondi e ricerca

Investire 'con urgenza e in quantita' rilevante' sulla ricerca, prevedere il finanziamento del fondo ordinario 'sulla base di dati certi e oggettivi', difendere il valore legale dei titoli di studio, favorire l'accesso in ruolo dei precari e realizzare un vero diritto allo studio, 'assicurando a tutti gli studenti idonei la borsa di studio', aumentando i servizi e ritirando i provvedimenti che prevedono l'aumento della tassazione. E' l'appello che docenti universitari, ricercatori, sindacati e movimenti studenteschi, come Adi, Adu, Andu, Cnu, Cisl-Universita', Flc-Cgil, Uil Rua, Ugl- Intesa Fp, Udu, Rete 29 aprile e Link, rivolgono alle forze politiche in vista delle imminenti elezioni per 'salvare e rilanciare l'universita''.
'Auspichiamo che il nuovo governo non sia sordo alle nostre proposte e non sia attento solo ai poteri forti', ha affermato il coordinatore nazionale dell'Associazione nazionale docenti universitari, Nunzio Miraglia, durante un confronto pubblico coi candidati. 'Il nuovo governo si impegni a cancellare la figura dell'idoneo alla borsa di studio non beneficiario: chi ha diritto deve riceverla', ha sottolineato Luca Spadon, portavoce nazionale di Link. 'Ci sono 3 mila ricercatori a tempo determinato negli atenei italiani, ma la situazione attuale impedisce di fatto il ricambio generazionale', hanno denunciato i ricercatori de La Sapienza. 'Bisogna cambiare strada rispetto ai governi Berlusconi e Monti, l'universita' e' stata falcidiata', ha incalzato il segretario della Flc-Cgil, Mimmo Pantaleo. Il coro di docenti, sindacati, ricercatori e studenti chiede anche 'un radicale cambiamento dell'Anvur, che si sta appropriando delle scelte politiche sull'universita''. No inoltre alla figura del 'rettore proprietario' (si rafforzino i poteri del Senato accademico), si' invece a un'unica figura pre ruolo a tempo determinato, di breve durata e con adeguata retribuzione.
Parola quindi ai politici. Il 'primo intervento concreto' nell'agenda di Paola Binetti (Udc) e' l'investimento nella ricerca: 'I fondi si possono prendere da una migliore amministrazione o da una diversa destinazione'. Paola Frassinetti (Fratelli d'Italia) avalla 'il prestito d'onore, con eventuali modifiche nel caso in cui ci fossero problemi' e propone la ripartizione del fondo ordinario su parametri come 'qualita' dei servizi e della ricerca', destinando 'una quota alle borse di studio e alla ricerca'. Meno burocrazia, ricerca 'libera', 'restituzione del maltolto' al Ffo, una nuova Anvur e 'porte aperte' a studenti (con il diritto allo studio) e ai ricercatori (con nuovi concorsi) sono le 'inversioni di tendenza' proposte infine da Walter Tocci (Pd). (ANSA).

 

21

Gen

2013

Frassinetti: scelta PdL condizionata da nostra politica trasparenza

Siamo contenti che le altre forze della coalizione ci imitino presentando liste pulite. Fratelli d’Italia non candida nemmeno i condannati in primo grado, e lo ha scritto nello statuto. La sensazione è che il Pdl sia stato favorevolmente condizionato da questa ondata di trasparenza, che è arrivata dalla nostra presa di posizione. E’ quanto dichiara Paola Frassinetti, deputata di Fratelli d’Italia-Centrodestra nazionale

 

10

Gen

2013

Una scelta a lungo attesa

Perché è nato un nuovo partito alla vigilia di queste elezioni politiche? Se ne sentiva davvero il bisogno? Scomporre il quadro politico del centro-destra dopo aver costituito il PdL ha senso? Penso che dare risposta a queste domande sia necessario e serio, molto più che affidarsi a proclami roboanti facili da comporre quando si fonda qualcosa di nuovo.

Fratelli d’Italia viene costituito indubbiamente tardi rispetto alle molte aspettative, proprio perché noi abbiamo creduto fino all’ultimo in un rinnovamento della classe dirigente e nello svolgimento delle primarie che avrebbero dovuto in modo partecipativo scegliere il nostro candidato alla Presidenza del Consiglio. Invece - come è a tutti noto - abbiamo assistito a continui ripensamenti, cambi repentini d’idea sia sullo svolgimento delle primarie che sulla volontà o meno di scendere in campo del Presidente Berlusconi. L’immagine che abbiamo dato al nostro elettorato è stata quindi di schizofrenia assoluta e di mancanza di progettualità proprio mentre sull’altro fronte il PD si posizionava al centro della scena con lo svolgimento di ben due turni di primarie molto partecipate che hanno catturato l’attenzione assoluta dei mezzi di informazione. Abbiamo ritenuto quindi che non si potesse più aspettare e che fosse giunto il momento di mettere in atto il processo di costituzione di un soggetto nuovo dove poter davvero ipotizzare un altro centro-destra fondato su principi quali l’onestà, il merito, la trasparenza e soprattutto una progettualità politica coerente...

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Facebook